Crea sito

La stagione di musica da camera ricomincia con un viaggio musicale nel mondo del teatro

di:

musica

La stagione di musica da camera ricomincia
con un viaggio musicale nel mondo del teatro

Teatro Sociale di Como

domenica, 9 maggio – ore 11.00

RICOMINCIAMO IN DUO

 

Riprende anche la musica da camera al Teatro Sociale di Como con quattro appuntamenti, sempre la domenica mattina alle ore 11.00, fino a fine maggio. Ad inaugurare questa mini rassegna, domenica 9 maggio, un concerto a quattro mani che non può che intitolarsi Ricominciamo in duo.

Una mattinata in compagnia dei titoli più celebri del repertorio operistico, sinfonico e del balletto, eseguiti in trascrizioni per pianoforte a quattro mani ed eseguiti da Opera Duo, ovvero Andrés Jesús Gallucci e Giorgio Martano, quest’ultimo molto conosciuto al pubblico comasco come maestro accompagnatore da diversi anni per il Concorso AsLiCo per giovani cantanti lirici e come interprete e curatore di MEMO. Piccoli appunti di… opera, all’interno di Teatro Sociale CHANNEL, un canale web creato da AsLiCo dedicato all’opera, alla musica, alla danza, al teatro e ai progetti family, disponibili gratuitamente online.

 

Il concerto trasporterà gli spettatori in un viaggio musicale nel mondo del teatro dell’Ottocento, da La gazza ladra (1817) di Gioachino Rossini, opera che oggi viene rappresentata raramente, fatta eccezione per la celebre ouverture, spesso inserita nei concerti sinfonici; a Sogno di una notte di mezza estate, le musiche di scena per l’omonima commedia shakespeariana composte nel 1843 da un giovanissimo Felix Mendelssohn-Bartholdy; da Don Pasquale (1842), opera buffa composta da Gaetano Donizetti dopo i grandi successi riscossi da L’elisir d’amore, Lucia di Lammermoor, La figlia del reggimento, a Nabucco (1842), terza opera e primo trionfo di Giuseppe Verdi e avuto in scena a Como nel 2017 per il progetto 200.Com con la regia di Jacopo Spirei, fino ad uno dei più famosi balletti del XIX secolo, Il lago dei cigni, musicato da Pëtr Il’ič Čajkovskij (1875).

I Commenti sono chiusi.