Crea sito

Tommaso Gambini- uscito The Machine Stops

di:

musica

za

Tommaso Gambini- uscito The Machine Stops

“The Machine Stops” è l’album d’esordio del chitarrista Tommaso Gambini, in uscita il 25 marzo per la Workin’ Label (distribuzione IRD)

Il progetto è stato sviluppato in occasione di un grant per artisti under 30 ricevuto da Gambini dalla parte della Compagnia di San Paolo.

Per la realizzazione del disco Gambini si ispirato al racconto omonimo dello scrittore inglese Edward Morgan Forster del 1909; nel racconto lo scrittore immaginava un futuro in cui gli uomini si affidano ad una macchina universale per soddisfare le loro esigenze primarie e interagire tra di loro. Ispirandosi a questo racconto, Gambini compie una riflessione su come internet e i social network stiano rivoluzionando la nostra società.

L’album è composto da una suite di brani originali, tutti a firma del leader, ciascuno dei quali riflette un aspetto specifico dell’opera letteraria; nei brani sono inclusi anche alcuni passaggi “parlati” tratti dal testo.

Per questo progetto Gambini è accompagnato da un ensemble di musicisti con cui collabora regolarmente negli Stati Uniti: Manuel Schmiedel al pianoforte, Ben Tiberio al contrabbasso e Adam Arruda alla batteria, Ben Van Gelder, eccellente sassofonista contralto e Dayna Stephens, sassofonista tenore fra i più rinomati della scena americana, che Gambini ha conosciuto nella grande mela.

“The Machine Stops” è stato presentato in prima al Festival Jazz di Torino del 2019, ed è stato ricevuto positivamente dalla critica; lo spettacolo è anche stato presentato presso il prestigioso Istituto Italiano di Cultura di New York.


TRACKLIST
1. The Old Machine
2. Kuno
3. Vashti
4. Second Hand Ideas 
5. The New Machine
6. Anonymous
7. Tomorrow

https://bit.ly/gambiniteaser

Tommaso Gambini guitar, synthesizers

Manuel Schmiedel keyboard, synthesizer

Ben Tiberio bass

Adam Arruda drums, percussion

Ben Van Gelder alto saxophone (track 4)

Dayna Stephens tenor saxophone (track 6)

Jacopo Albini clarinet, bass clarinet (track 1, 5)

Anggie Obin flute (track 3) 

Additional synth programming Casey Berman

Vanisha Gould spoken words

All compositions by Tommaso Gambini

Recorded by Andy Taub on June 1-2 2019 at Brooklyn Recording

Produced and Mixed by Tommaso Gambini

Mastered by Giovanni Agosti

© Workin’ Label 2020 www.workinproduzioni.it
I.R.D. International Records Distribution www.ird.it

Photos Davide De Martis

Graphic Design Matteo Pulina

Biografia

Tommaso Gambini, chitarrista e compositore, vive e lavora a New York.

Nato a Torino nel 1992, si Gambini si è interessato alla musica ascoltando i “Beatles” da piccolo. Ha incominciato a suonare sotto l’influenza del padre, chitarrista dilettante, ed ha proseguito la sua formazione prima alla Scuola Civica, e successivamente al Conservatorio di Torino.

Giovanissimo, durante gli anni del Liceo ha avuto modo di inserirsi nella scena di Torino, collaborando con musicisti locali, come Emanuele Cisi, Furio Di Castri, Fabio Giachino, e di passaggio, fra cui Enrico Pieranunzi, Francesco Cafiso e Alessandro Lanzoni.

Dopo aver frequentato un corso estivo al Berklee College of Music di Boston ha vinto una borsa di studio, fra le più prestigiose offerte dal College americano, per frequentare un corso di laurea a Boston.

Gambini si è trasferito a Boston nel 2011, ed ha avuto occasione di studiare con luminari del Jazz come Hal Crook, Mick Goodrick e George Garzone. Poco tempo dopo Gambini è stato selezionato da Danilo Perez, pianista di Wayne Shorter, come parte del prestigioso “Berklee Global Jazz Institute” da lui diretto.

In questi anni di permanenza americana Gambini ha suonato con alcuni fra i musicisti più richiesti negli Stati Uniti, in occasioni di grande rilievo, fra cui al Blue Note di New York ed al Festival Jazz di Panama con Miguel Zenon, al Festival Jazz di Santiago del Chile con Danilo Perez, al Festival Jazz della Repubblica Domenicana con Joe Lovano.

Una volta terminato il corso di studi, “cum laude”, Gambini si è trasferito a New York, dove si è rapidamente inserito nella scena locale.

I Commenti sono chiusi.